NEWS
13/11/2018 MUTUI

nuovi MUTUI a TASSI AGEVOLATI per Acquisto, Surroga, Ristrutturazione, Liquidità...

13/11/2018

...

13/11/2018 Cessioni del Quinto e Delega

TASSI AGEVOLATI fino € 120.000,00 anche a protestati e cattivi pagatori per Dipent...

13/11/2018 Cessioni del Quinto e Delega

TASSI AGEVOLATI fino € 120.000,00 anche a protestati e cattivi pagatori per Dipent...

visualizza archivio news

CESSIONE DEL QUINTO

Cessione del quinto

Facile. Veloce. Sicuro.

Il prestito che viene incontro alle esigenze di dipendenti e pensionati. 
La Cessione del Quinto dello Stipendio o della Pensione è una forma di finanziamento comoda e conveniente rivolto a tutte le categorie di lavoratori, siano essi pubblici che statali; ed a seguito delle ultime disposizioni legislative in materia, è divenuto un diritto anche per i dipendenti a tempo indeterminato delle aziende private che soddisfino i parametri richiesti dall'ente finanziatore e per i pensionati convenzioni sottoscritte dalla INPS, INPS ex INPDAP, ENASARCO

Rispetto a tutte le altre forme di finanziamento la Cessione del V° stipendio si differenzia per alcune peculiarità, per esempio:

  • è un diritto del dipendente o pensionato (D.P.R. 180 del 1950)
  • è la soluzione finanziaria anche per coloro che hanno avuto disguidi finanziari e segnalazioni in Banche dati (ritardi nei pagamenti, protesti e pignoramenti).
  • è un finanziamento a firma singola
  • è un finanziamento la cui rata è già comprensiva di copertura assicurativa:
    • DUPLICE per i dipendenti (rischio vita e rischio impiego);
    • UNICA per pensionati (rischio vita)
  • è un finanziamento la cui rata viene comodamente trattenuta dalla propria busta paga o cedolino pensione
  • è un finanziamento la cui rata ed il cui Tasso restano fissi ed invariati per tutta la durata del prestito
  • può essere richiesta anche in presenza di altri prestiti o mutui

Form Richiesta Informazioni

si no
si no
Leggi la privacy

F.A.Q. Cessione del Quinto

1) Che cosa sono la Cessione del Quinto e la Delegazione di pagamento?

La cessione del quinto è una particolare forma di prestito personale non finalizzato, il cui rimborso avviene attraverso la trattenuta della rata sullo stipendio o salario o sulla pensione. Il finanziatore riceve il diritto dal lavoratore o pensionato a richiedere direttamente al datore di lavoro o ente pensionistico la quota corrispondente alla rata di rimborso del finanziamento. La cessione del quinto, può avere una durata massima di 120 mesi (10 anni). La Cessione del Quinto è un DIRITTO del dipendente o pensionato, è disciplinata dal D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180 e successive modifiche e integrazioni, può coesistere con altri prestiti anche aventi simili modalità di rimborso e con altri vincoli della retribuzione o pensione nell'ambito dei limiti previsti dal richiamato D.P.R.
La delegazione di pagamento è un prestito personale non finalizzato come la cessione del quinto dedicato ai lavoratori dipendenti e categorie similari, il cui rimborso avviene in modalità analoghe alla cessione del quinto per il tramite del datore di lavoro. Il dipendente, a fronte della concessione del finanziamento, delega contestualmente il datore di lavoro a trattenere una quota della retribuzione disponendone l'invio in favore del Finanziatore. Quest'ultimo si rende di solito necessario quando è già in corso un finanziamento rimborsabile mediante cessione del quinto.

2) A cosa serve?

La cessione/delega del quinto permettono di ottenere un finanziamento per la pianificazione di spese per acquisto di beni di consumo durevoli o non e/o di servizi.
La differenza con un prestito personale tradizionale è che il pagamento delle rate viene effettuato direttamente dall'azienda per la quale si lavora o dall'Ente Pensionistico dal quale si riceve la pensione. Il presupposto principale per avere accesso al finanziamento è la sussistenza di un rapporto di lavoro o di una posizione pensionistica che dia luogo al pagamento di uno stipendio, salario o pensione avente carattere certo e continuativo, nel caso del lavoratore abbia diritto a conseguire un qualsivoglia trattamento di fine rapporto, il pensionato goda di una pensione di importo superiore alla pensione "sociale". Il finanziamento a mezzo delega di pagamento non è destinato ai pensionati.

3) Chi la può richiedere?

- Dipendenti statali, pubblici e privati.

Per tutti deve intercorrere un contratto a tempo indeterminato o determinato, purché in quest'ultimo caso la cessione non ecceda il periodo di tempo che, al momento dell'erogazione del finanziamento, deve trascorrere per la scadenza del contratto; per i lavoratori c.d. parasubordinati (art. 409 numero 3 c.p.c.) purché la cessione non ecceda il periodo di tempo che al momento dell'operazione deve ancora trascorrere per la scadenza del contratto in essere – pensionati, pubblici e privati.

4) Chi la concede?

Banche ed Intermediari finanziari iscritti negli appositi Albi. Prima di stipulare un contratto di cessione del quinto è opportuno verificare la natura del soggetto Finanziatore e dell'Intermediario del credito preponente, le banche e gli intermediari finanziari sono autorizzati ai sensi di legge alla concessione ed alla erogazione dei finanziamenti.

5) Chi può proporla?

Il finanziatore direttamente o per il tramite di intermediari del credito. Gli intermediari del credito sono gli agenti in attività finanziaria, i mediatori creditizi o qualsiasi altro soggetto (anche le stesse banche ed intermediari finanziari) diverso dal finanziatore che svolga almeno una delle seguenti attività: presentazione o proposta di contratti di credito ovvero altre attività preparatorie in vista della conclusione di tali contratti; conclusione di contratti di credito per conto del finanziatore (solo per agenti in attività finanziaria); il mediatore creditizio mette in relazione banche e intermediari finanziari con la potenziale clientela.

6) Quanto posso richiedere in termini di cifre?

Il massimo finanziabile è determinato principalmente dall'entità della retribuzione o pensione netta e della durata selezionata, elementi base ai quali il finanziatore determina il credito massimo ottenibile tenuto conto della incidenza delle condizioni applicate.

7) Qual è l'importo massimo della rata che potrei pagare?

La rata può essere individuata nel quinto massimo della retribuzione o pensione netta mensile percepita. Non è possibile superare la quota di un quinto, è possibile valutare invece, l'affiancamento alla cessione del quinto, della delegazione di pagamento. La quota massima del quinto mensile si ricava dalla retribuzione o pensione lorda annua, al netto delle ritenute assistenziali, previdenziali, IRPEF, ed altri eventuali compensi non a carattere continuativo.

8) Qual' è la durata massima del finanziamento?

La durata del finanziamento va da 24 a 120 mesi.

9) Che cos'è un piano di Ammortamento?

E' importante chiedere al finanziatore di esaminare il piano di ammortamento. Esso è il progetto di restituzione del debito. Il piano stabilisce la durata entro la quale tutto il debito deve essere pagato, la periodicità delle singole rate (mensile) ed i criteri per determinare l'ammontare di ogni rata. La rata è composta da due elementi: "quota capitale", cioè l'importo del finanziamento restituito e "quota interesse" cioè l'interessa maturato. In Italia, il piano di ammortamento più diffuso è il metodo così detto "francese": la rata prevede una quota capitale crescente e una quota interessi decrescente. All'inizio si pagano soprattutto gli interessi; man mano che il capitale viene restituito, l'ammontare degli interessi diminuisce e la quota capitale aumenta.

10) Posso estinguere il prestito prima della sua scadenza naturale?

Il cliente ha la facoltà di rimborsare anticipatamente in qualsiasi momento l'importo dovuto al finanziatore. In tal caso ha diritto ad una riduzione del costo totale del credito. Il consumatore verserà l'importo in linea capitale ancora da rimborsare entro 30 giorni dalla richiesta di estinzione al netto dei costi soggetti a maturazione per i quali è stata convenuta la restituzione in caso di rimborso anticipato. Gli interessi verranno quindi computati sino alla data di estinzione anticipata secondo il piano di ammortamento a scalare e decurtati dall'importo dovuto dal consumatore per la durata residua, le voci di spesa soggette a maturazione sono generalmente rimborsate in base alla durata residua non goduta, i costi delle assicurazioni sono rimborsabili in base alle condizioni di polizza sottoscritte.

11) A cosa devo fare particolare attenzione?

- Non indebitarsi troppo per le proprie possibilità. La cessione del quinto o prestito con delega sono un impegno economico importante da sostenersi nel tempo, sia per una singola persona che per una famiglia. Già al momento della richiesta, è essenziale valutare se le proprie entrate sono sufficienti per pagare le rate. Durante il periodo del prestito posso infatti accadere eventi imprevisti, che richiedono nuove uscite (spese mediche, per la casa, per i figli ecc…) oppure che fanno diminuire le entrate (perdita del lavoro, cassa integrazione, malattie…). Prima di ogni ulteriore richiesta di prestito, considerare sempre che non ci si stia indebitando troppo!

- Verificare che il tasso applicato non sia usurario: Al momento della stipula il tasso di interesse non può superare la soglia dell'usura, una soglia definita dalla Banca d'Italia per conto del Ministero dell'Economia e delle Finanze e pubblicata sul sito: www.bancaditalia.it/vigilanza/contrasto_usura/Tassi) Se nel contratto sono stati stabiliti tassi usurari, la clausola è NULLA e NON sono dovuti interessi.

- Pagare con puntualità, poiché le conseguenze possono essere anche di una certa entità: la scadenza dei ogni rata è indicata nel contratto. Qualora si verificassero ritardi nei rimborsi, gli interessi dovuti vengono maggiorati, in quanto l'intermediario applica gli interessi di mora, che si aggiungono alle somme dovute. Conseguenza del mancato pagamento è la possibilità di subire tutte le azioni di riscossione coattiva che il creditore può legittimamente mettere in atto (solleciti formali, ricorso all'autorità giudiziaria, decreto ingiuntivo ecc…) anche rifacendosi sulle garanzie previste dal contratto quando previsto.

- In caso di difficoltà di pagare le rate, cercare subito una soluzione con l'intermediario: Se il cliente non riesce a pagare sempre e con puntualità le rate del mutuo, è consigliabile che si rivolga all'intermediario per cercare insieme una soluzione. E' importante evitare di rivolgersi ad operatori non iscritti negli appositi Albi previsti dalla legge. Nei casi previsti si può ricorrere ai fondi pubblici di sostegno quali: fondo prevenzione dell'usura, fondo di solidarietà per le vittime dell'usura eccc…..

12) Cosa sono le spese di istruttoria?

Sono costi a carico del cliente richiesti per le pratiche e formalità necessarie all'erogazione del finanziamento, l'importo non sarà rimborsabile in caso di estinzione anticipata.

13) Che cos'è il T.A.N.?

Il TAN, Tasso Annuo Nominale, è il tasso con il quale è calcolato il piano di ammortamento del prestito e che determina la quota interessi del finanziamento concesso.

14) Che cos'è il T.A.E.G. o I.S.C.?

E' il tasso annuale effettivo globale. Indica il costo totale del finanziamento su base annua ed è espresso in percentuale sull'ammontare del finanziamento concesso. Comprende il tasso di interesse (T.A.N.) e altre voci di spesa, ad esempio: spese di istruttoria e di riscossione della rata. Il T.A.E.G. è un termine di confronto molto utile e deve essere sempre indicato nella documentazione contrattuale.

15) Che cos'è il T.E.G.M.?

E' il tasso effettivo globale medio pubblicato trimestralmente dal Ministero dell'Economia e delle Finanze come previsto dalla legge sull'usura. IL T.E.G.M. viene quindi aumentato in base ai criteri dettati dalle legge al fine di individuare il limite della soglia usuraria. Per verificare se un tasso è usurario, quindi vietato, occorre individuare, tra le categorie di finanziamento pubblicate il T.E.G.M. della cessione del quinto o il T.E.G.M. del finanziamento rimborsabile mediante delegazione e le soglie massime rispettivamente attribuite, quindi confrontare il tasso applicato del finanziatore al limite di soglia valida ai fini dell'usura.

16) Posso richiedere una Cessione del Quinto senza che la mia Amministrazione, in particolare l'ufficio stipendi, sia a conoscenza del mio finanziamento?

No, non è possibile, prevede l'adesione e la collaborazione dell'amministrazione di appartenenza.

17) Che cos'è un' Assicurazione Credito?

E' una Assicurazione utilizzata a copertura di un eventuale rischio di cessazione del rapporto di lavoro. In caso di cessazione definitiva del rapporto di lavoro, la società di Assicurazione si farà carico dei debiti residui. E' obbligatoria per questa tipologia di finanziamento.

18) Che cos'è un'Assicurazione Vita?

E' una Assicurazione utilizzata a copertura di un'eventuale rischio di morte od invalidità. Se il debitore muore o rimane invalido al lavoro, la società di Assicurazione si farà carico dei debiti residui. E' obbligatoria per questa tipologia di finanziamento.