NEWS
13/11/2018 MUTUI

nuovi MUTUI a TASSI AGEVOLATI per Acquisto, Surroga, Ristrutturazione, Liquidità...

13/11/2018

...

13/11/2018 Cessioni del Quinto e Delega

TASSI AGEVOLATI fino € 120.000,00 anche a protestati e cattivi pagatori per Dipent...

13/11/2018 Cessioni del Quinto e Delega

TASSI AGEVOLATI fino € 120.000,00 anche a protestati e cattivi pagatori per Dipent...

visualizza archivio news

LEASING

leasing

Dedicato all'imprenditoria ad ai professionisti

Il leasing è un’operazione finanziaria che consente all’utilizzatore di avere la disponibilità di un bene, per un certo periodo di tempo, verso il corrispettivo di un canone periodico. 
Alla scadenza, l’utilizzatore del bene può:

  • riscattarlo (acquistarlo in proprietà) ad un prezzo inferiore al valore di mercato.
  • restituirlo
  • proseguire nel godimento, versando un canone inferiore
  • sostituirlo con altro bene

In sostanza, si tratta di un contratto di finanziamento con cui una società finanziaria (società di leasing) acquista, per conto dell’utilizzatore (imprenditore o professionista), un bene e lo cede in uso allo stesso in cambio di un canone periodico.

E' una formula di "rent" particolarmente utilizzata nel mondo dell'Impresa ma chiunque ha la facoltà di richiedere un Leasing purchè ne sussistano le condizioni necessarie e sufficienti:

  • Il bene in Leasing deve essere rivolto e riconducibile alla propria attività lavorativa
  • Essere titolari di P. IVA (Liberi professionisti, Aziende e/o privati)

Sarà sufficiente indicare, oltre alle informazioni sopra citate, come si vuole procedere per avviare la pratica di richiesta Leasing: indicare quindi il nome del prodotto e chi lo fabbrica/distribuisce, la periodicità dei pagamenti (rate mensili, trimestrali,semestrali,etc.) e la durata del contratto del Leasing stesso.

    • Le caratteristiche del Contratto di Leasing:

Il primo canone pagato dall’utilizzatore, generalmente di importo maggiore rispetto ai successivi, viene chiamato maxicanone iniziale, questo perché risulta comprensivo del cosiddetto acconto, cioè maggiorato di una somma in termini percentuali (in genere tra il 10% e il 30%) del costo del bene da finanziare, al netto di IVA; il suo scopo, neanche tanto celato, è quello di ridurre i rischi di perdita della Società di Leasing concedente, in caso di insolvenza dell’utilizzatore e risoluzione del contratto; in tal caso infatti, il locatore si riapproprierebbe del bene, il cui valore di mercato, sommato al maxicanone iniziale ed ai canoni già incassati, si presume superiore ai costi sostenuti dal locatore per l’acquisto dei beni oggetto del contratto di leasing.

Tipologie di Leasing:

  • Immobiliare
  • Strumentale
  • Targato
  • Nautico
  • Agevolato
  • Pubblico
  • Energy
  • Abitativo
  • Operativo
  • Internazionale
  • Aeromobili

Form Richiesta Informazioni

si no
si no
Leggi la privacy

F.A.Q. Leasing

1) Che cos'è il leasing?

Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare o far realizzare da un produttore o venditore (Fornitore) dei beni, mobili o immobili per averli in uso per un periodo di tempo prefissato e contro il pagamento di un canone periodico.
Al termine della locazione l'Utilizzatore può diventare proprietario del bene con il pagamento del prezzo stabilito (riscatto).

2) Come si paga il canone?

Il metodo più diffuso di pagamento dei canoni è costituito dal R.I.D. (Rapporti Interbancari Diretti).
La società di leasing comunica alla banca del cliente l'importo del canone di leasing in scadenza e la banca provvede al periodico addebito.
Il cliente non è quindi chiamato a compiere alcuna azione, se non quella di controllare la correttezza dell'operazione.

3) A chi è rivolto?

Al leasing possono accedere le imprese di ogni forma e dimensione ed i professionisti, per il finanziamento di investimenti in beni mobili (impianti,autoveicoli, macchinari, aeromobili imbarcazioni da diporto, oggetti d'arte) e immobili (costruiti da costruire) strumentali all'attività svolta. Possono accedere anche i privati, in particolare per le autovetture e per i prodotti di Progetto Mare e Progetto Arte, dedicati alla nautica e al mondo dell'arte e dell'antiquariato.

4) Cos'è l'indicizzazione?

E' il processo di adeguamento del canone di leasing all'andamento di un parametro finanziario di riferimento, scelto dalle parti e inserito in una specifica clausola contrattuale.

5) Che cosa sono gli oneri in eccesso?

Gli oneri in eccesso sono gli esborsi e le spese dirette e indirette sostenute dalla società di leasing a fronte dell'istruzione, della preparazione, del perfezionamento, della gestione e dell'estinzione del contratto di leasing. Sono di norma a carico del cliente.

6) Quale bene può essere finanziato in leasing?

Qualunque tipo di bene. La fungibilità del bene (che misura la possibilità potenziale di ricollocare il bene sul mercato ad un prezzo variabile nel tempo ma tale da garantire il recupero del credito in caso di contenzioso) influenza il rischio associato all'operazione e il conseguente costo.
La natura del bene influenza la durata del contratto di leasing in funzione delle norme fiscali per la deducibilità dei canoni leasing sui diversi beni.

7) Quali sono gli attori di un'operazione di leasing?

Gli attori di un'operazione di leasing sono:
- il cliente: è colui che sceglie e utilizza il bene e può acquistarlo al termine del contratto;
- la società di leasing: che acquista materialmente il bene scelto dal cliente, conservandone la proprietà sino al momento della eventuale vendita al cliente stesso;
- il fornitore: è il soggetto, scelto dal cliente, che vende il bene alla società di leasing.

8) Quali sono i principali elementi contrattuali del leasing?

- Il costo del bene finanziato;
- la modalità di pagamento del fornitore da parte della società di leasing;
- la durata del contratto che varia in relazione alla tipologia del bene finanziato. Il cliente che svolge attività di impresa e vuole usufruire della possibilità di deduzione dei canoni di leasing deve porre particolare attenzione. Fatta eccezione per i leasing su immobili (durata minima consentita 96 mesi), per tutti gli altri beni è necessario che il contratto abbia durata uguale o maggiore alla metà del periodo di ammortamento del bene in relazione alla natura dello stesso e alla specifica attività del cliente stesso;
- la periodicità dei canoni. È mensile nella gran parte dei casi, ma è comunque possibile prevedere una periodicità diversa (bimestrale, trimestrale, quadrimestrale, semestrale) a seconda della tipologia di bene soggetto del finanziamento;
- il numero e l'importo dei canoni a carico del cliente; il canone leasing può essere comprensivo o meno di servizi accessori, quali assicurazione (in varie forme) o altri servizi (ad esempio di assistenza e manutenzione);
- la variabilità dei canoni: possono essere o meno indicizzati, ovvero variabili in funzione dell'andamento del costo del danaro o fissi per tutta la durata del contratto di leasing;
- l'assoggettazione a IVA in quanto corrispettivo da servizio;
- il versamento dell'anticipo versato al momento della stipula insieme alle spese di contratto;
- il valore di riscatto del bene;
- le spese assicurative e di istruttoria.

9) Cosa comportano le fasi di "istruttoria" e di "perfezionamento"?

L'istruttoria
La fase di "istruttoria" serve a valutare l'affidabilità del cliente e la fungibilità del bene. Se l'istruttoria dà esito positivo, in breve tempo il contratto di leasing può essere sottoscritto e il bene può essere consegnato al cliente. La Società di leasing potrà richiedere, in alcuni casi ulteriori garanzie personali (fideiussioni) e reali (pegni).
Il perfezionamento del contratto
Le modalità di perfezionamento del contratto possono variare in relazione al tipo di bene e possono essere richiesti documenti aggiuntivi (ad esempio nel caso di autoveicoli o di immobili), o particolari adempimenti (ad esempio, nel caso di  polizza assicurativa con vincolo a favore della Società di leasing). L'iter del perfezionamento si sintetizza in 3 momenti:
- firma del contratto e versamento dell'anticipo da parte dell'utilizzatore;
- ordine al fornitore;
- consegna del bene.
Il processo si conclude con la consegna del bene e comprende, se previsti dal contratto di leasing, anche l' installazione e il collaudo.

10) Da quando decorre il contratto di leasing?

Il contratto di leasing decorre con la consegna del bene.

11) Di chi è la proprietà del bene in leasing?

Il bene rimane di proprietà della società di leasing per tutta la durata del contratto. Può diventare di proprietà del cliente solo se quest'ultimo, al termine del contratto, decide di riscattare il bene.